THE VIRTUAL ART - BOOK & MAP FAIR

3 SADELER JAN I-DE VOS MARTIN Lamech and Ada 134

€300.00

Description: SADELER JAN (o JOHANNES) I-DE VOS MARTIN
Excaepit Lamech ex bina coniuge natos huic Ada nomen erat…
Anversa,1600
P9130054
300,00 €
Bulino, firmato in lastra al centro dai due artisti (De Vos incise le figure). Buona prova, impressa su carta vergata coeva, in eccellente stato di conservazione ma con margini inf. che presentano tracce di sporco superficiale. Dimensioni 260x204. Brussel 1550 - Venezia 1600 circa I SADELER: Famiglia fiamminga di artisti, attivi in tutta Europa. Per tre generazioni questa famiglia di incisori, editori e commercianti di stampe giocò un ruolo dominante nell’arte grafica europea, producendo opere variegate e di altissima qualità. Erano discendenti di una linea di cesellatori di acciaio di Aalst. Jan de Saeyelleer (Sadeleer) ebbe tre figli, Jan Sadeler I, Aegidius Sadeler I e Raphael Sadeler I, la prima generazione di incisori, editori e comercianti. Le incertezze religiose e politiche dell’epoca, li contrinsero ad emigrare, per cui si hanno notizie del loro lavoro a Colonia, Frankfurt am Main, Monaco, Venezia e Praga. La seconda generazione seguì le loro orme; tra questi, Aegidius Sadeler II, che lavorò per Rudolf II e i suoi successori, fu sicuramente il più importante. Justus Sadeler, figlio di Jan Sadeler I, e I tre figlia di Raphael Sadeler I—Jan Sadeler II, Raphael Sadeler II e Filips Sadeler—furono artisti minori, ma proseguirono la tradizione di famiglia. La terza generazione fu rappresentata da Tobias Sadeler (Vienna, 1670–75), figlio di Aegidius Sadeler II; eseguì incisioni per libri topografici. JAN SADELER I:Disegnatore, incisore e editore. Iniziò a lavorare come cesellatore di acciaio e intarsiatore; poi si trasferì ad Anversa, dove venne ammesso nella Corporazione di St Luke nel 1572 come incisore su rame. Fu probabilmente attraverso la casa editrice di Christoph Plantin che Jan entrò in contatto con I membri della Chiesa Olandese Riformista, con cui intrattenne stretti legami. Jan incise illustrazioni per Plantin (ad es., per ‘Humanae salutatis monumenta’ di Arias Montanus, 1571, su disegno di Crispijn van den Broeck). È possibile che proprio ad Anversa abbia incontrato Marten de Vos, con cui lui e i suoi fratelli collaborarono per anni. Tuttavia, durante la sua permanenza ad Anversa Jan incise prevalentemente dai disegni di van den Broeck e Michiel Coxcie.
  • Number: 1010929 (P9130054)
  • Dealer: Speculum Orbis Nauticum







 
Your IP Address is: 34.236.216.93
Antique Maps fair
Copyright © 2008-2019 VIRTUAL ART - BOOK & MAP FAIR |  Design by mCar Automatisering, Inspired by Clyde Jones | Powered by Zen Cart